Export di prodotti nel Regno Unito: controlli doganali, nuove certificazioni e analisi

Dopo quasi tre anni di negoziati, dal primo gennaio 2022 Brexit diventa realtà e finiscono i controlli doganali organizzati per fasi per l’ingresso nel Regno Unito, che vengono sostituiti da un regime di pieno controllo frontaliero a cui sarà necessario sottostare per la movimentazione di merci da e verso il Regno Unito, anche per merci provenienti dall’Unione Europea.

Il rischio di confusione è alto quindi organismi sovranazionali, associazioni di categoria e agenzie di commercio, sono in prima linea per semplificare la vita di aziende e cittadini.

Di seguito si forniscono alcuni suggerimenti sulle verifiche da eseguire messi a punto dal DESK BREXIT:

1) verificare che il partner commerciale in UK sia a conoscenza delle nuove regole;

2) verificare che il trasportatore sia pronto per i controlli alle frontiere fornendogli la corretta documentazione al fine di evitare ritardi nella consegna;

3) verificare se c’è la necessità di registrarsi come un operatore stabilito nel Regno Unito (le condizioni stabilite con il cliente determinano chi è responsabile della dichiarazione doganale nel Regno Unito. Se la responsabilità ricade sull’esportatore italiano ci sono due opzioni: la prima è registrarsi come impresa stabilita nel Regno Unito e come soggetto importatore, seguendo la semplice guida fornita del Governo inglese; la seconda è affidarsi a un esperto doganale stabilito in UK o a un agente che possa effettuare le dichiarazioni doganali per conto terzi);

4) se l’azienda italiana è responsabile della procedura doganale, dovrà presentare le dichiarazioni doganali e a tal fine, dovrà essere già in possesso di un codice EORI GB;

5) controllare se c’è bisogno di aprire un’identificazione fiscale UK;

6) tenere in considerazione le regole di origine per beneficiare del dazio zero dell’accordo e la necessità della dichiarazione del fornitore;

7) per i beni soggetti a certificazioni sanitarie e fitosanitarie dal 1 gennaio 2022 l’importatore britannico dovrà pre-notificare l’arrivo dei prodotti di origine animale.

In virtù di quanto detto finora, particolare interesse assume la questione relativa ai prodotti animali e alla sicurezza alimentare che dal 1 gennaio 2022 subirà sostanziali cambiamenti:

a) Prodotti di Origine Animale (POAO)

b) POAO soggetti a Misure di Salvaguardia

c) Prodotti della Pesca e Molluschi Bivalvi vivi

d) Alimenti e Mangimi ad Alto Rischio non di Origine Animale (HRFNAO)

e) Sottoprodotti di Origine Animale (ABP)

f) Animali Vivi e Prodotti germinali

g) Animali Acquatici vivi per acquacoltura e a scopo ornamentale

h) Equini

– I cosiddetti Prodotti di Origine Animale (POAO) non possono passare più solo con la documentazione commerciale. Occorre adesso aggiungere anche una pre-notifica da fare attraverso IPAFFS (Import of products, animals, food and feed system).

– Ulteriormente restrittive saranno le misure per Prodotti di Origine Animale Sottoposti a Misure di Salvaguardia (POAO under SGM). Le misure di salvaguardia sono adottate da UK sulla base della situazione epidemiologica dei paesi terzi per quanto riguarda malattie notificabili e malattie emergenti, tali valutazioni sono reperibili sul sito del governo UK. In questo caso oltre alla pre-notifica alle autorità competenti è necessario avere il numero di notifica univoco (UNN) e il certificato sanitario.

– I Prodotti non di Origine Animale ad alto rischio (HRFNAO) dovranno avere la pre-notifica.

– I Sottoprodotti di Origine Animale (ABP) sono materiale di origine animale non destinato al consumo umano e si dividono in “high risk” e “low risk”. Quelli ad alto rischio (high risk) oltre alla documentazione commerciale dovranno avere anche la pre-notifica, mentre quelli a basso rischio (low risk) solo la documentazione commerciale.

A tutte queste categorie dal 1 luglio 2022 sarà aggiunto il Controllo Frontaliero Appropriato (BCP) in un ulteriore passaggio di irrigidimento delle procedure e di definitiva creazione di una frontiera fisica. Dal 1 settembre e dal 1 novembre 2022 invece questi prodotti saranno sottoposti a misure anche più stringenti: tutti gli altri POAO (compresi i prodotti composti) e la carne necessiteranno anche di certificato sanitario, in modo da garantire la sicurezza alimentare delle importazioni e delle esportazioni.

Insomma qualcosa che sembrava etereo e distante comincia oggi a prendere forma e segnare una marcato confine fra il Regno Unito e l’Unione Europea. Ora Brexit è realtà.

Altri articoli

Intervista a Edmondo Metildi, CEO...

1) Com’è cambiato Ecopoint in questi trent’anni? Da laboratorio di analis...

Ecopoint informa News
Modifiche normative materiali ine...

Il MITE (Ministero per la Transizione Ecologica) ha emanato, lo scorso 15...

Normativa Rifiuti
Cosa sono le diossine?

Sentir parlare di diossine e della loro nocività non è r...

ambiente News
L’inquinamento atmosferico in Ita...

L’inquinamento atmosferico è un’emergenza italiana: su 1...

ambiente Aria
Ecopoint: nuovo logo. Oltre il re...

In un mondo in cui chi non comunica non esiste, Ecopoint srl cambia il su...

Media News
Ecopoint srl: il restyling dell’a...

Cambiare, migliorare ma restare fedeli alle proprie origini. Ecopoint si ...

News

Seguici per rimanere aggiornato

Ecopoint srl

Il Gruppo Ecopoint da oltre vent’anni è punto di riferimento professionale per servizi di consulenza ambientale e analisi industriale e ambientale

Contatti

Privacy Policy
Cookie Policy

Accreditamenti

© 2022 Ecopoint S.R.L. - P.IVA/C.F. 01556840666 - Via Cavour n. 435 - 67051 Avezzano (AQ)