Il progetto Life ADA

L’agricoltura fra cambiamenti climatici, innovazione e sostenibilità.

Il progetto Life ADA (Adaptation in Agriculture) è pensato per offrire un supporto concreto al settore agricolo e per rafforzare le capacità di resilienza ai cambiamenti climatici in una delle zone, l’Italia, più esposta ai cambiamenti climatici a livello europeo. I terreni di azione sono diversi: il piano della conoscenza, dell’adattamento, della resistenza.

Promosso da UnipolSai Assicurazioni S.p.A, ha come partner strategici ARPAE (Agenzia Regionale Prevenzione, Ambiente ed Energia della Regione Emilia-Romagna Servizio Idro-Meteo-Clima), CIA-Agricoltori Italiani, Il CREA-PB (Consiglio per la Ricerca e l’analisi dell’Economia Agraria centro di ricerca di Politiche e Bioeconomia), Circolo Festambiente (Legambiente), Legacoop Agroalimentare Nord Italia, Leithà e Direzione generale agricoltura, caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna.

Le filiere coinvolte da questo progetto invece sono i settori di punta dell’agroalimentare, un’eccellenza del nostro paese: latteario-caseario, vinicolo e ortifrutticolo.

Che la sfida climatica e la costruzione di un futuro sostenibile siano una necessità è ormai patrimonio collettivo, ma spesso tutto questo rimane solo un orizzonte. Progetti come Life ADA invece si impegnano, insieme con altre associazioni, non solo a promuovere una coscienza ambientale, ma anche a offrire soluzioni pratiche per ottimizzare un settore come l’agricoltura e renderlo al passo con i tempi.

Di recente, Lifegate – da sempre molto attenta ai temi dell’ambiente – ha promosso l’iniziativa Osservatorio sullo stile di vita sostenibile, in collaborazione con l’istituto di ricerca Eumetra MR, durante la quale è stato dato molto spazio al progetto Life ADA.

L’Osservatorio è un appuntamento annuale – si è giunti alla settima edizione – che analizza in determinati segmenti della società la consapevolezza ambientale e il livello di coscienza diffusa sui temi della sostenibilità. In questa edizione sotto la lente statistica sono finiti i giovani under 24, conosciuti come “generazione Z”.

Le domande poste per l’analisi sono state: 1) I cittadini conoscono il concetto di sostenibilità, nelle sue varie declinazioni? 2) Credono nel cambiamento? 3) Sono disposti a fare la loro parte, ridisegnando le proprie abitudini quotidiane per renderle più rispettose del Pianeta?

La ricerca è stata presentata mercoledì 22 settembre presso lo Spazio Teatro No’hma Teresa Pomodoro di Milano, mentre LifeGate.it ne ha garantito lo streaming on-line per raggiungere la maggior parte di pubblico possibile. Tutto questo è stato concepito anche grazie ad alcuni sponsor Gruppo Unipol, Koelliker, Michelin Italia, Ricola e Vaillant Italia.

I risultati della ricerca sono in un certo senso confortanti, ma evidenziano anche alcune criticità: la generazione Z è da sempre quella più attenta ai problemi ambientali – non a caso è quella più sensibile ai richiami di Greta Thunberg e dei Friday for Future – ma è anche potenzialmente quella che ha più subito gli effetti della pandemia. Ecco il perché di alcune contraddizioni che iniziano a emergere. Per esempio il trend in calo dell’8% sulla piena consapevolezza del termine “sostenibilità” (oggi è il 51%, mentre nel 2020 era il 58%), ma anche una minore disponibilità, rispetto ad altri segmenti sociali, a incrementare pratiche sostenibili come la riduzione del consumo di plastica e la promozione di energie rinnovabili.

In generale comunque, come si diceva all’inizio, i temi della sostenibilità ambientale sono ormai patrimonio di tutti gli italiani. Per citare alcuni dati: 34,5 milioni di italiani – ossia il 69,5% della popolazione – è convinta che la sostenibilità sia un valore. Una percentuale che cresce del 7% rispetto al 2020. Nel 2015 solo il 42% degli italiani si sentiva coinvolto nei temi della sostenibilità: ora siamo arrivati al 75 per cento, cioè tre su quattro. Un balzo enorme.

Sono diffusi anche comportamenti virtuosi: per esempio il 43% degli italiani afferma di limitare l’uso di bottiglie di plastica, il 25% sostiene di spostarsi a bordo di mezzi poco inquinanti, il 45% si dice disposto ad acquistare prodotti locali e made in Italy, anche spendendo di più.

Life ADA durante l’estate del 2021 è stata anche protagonista di un’iniziativa singolare. Uno dei terreni cui questo progetto si dedica con più interesse, è quello dell’innovazione tecnologica in campo agricolo. Con questa idea di ibrido fra “terra” e “tecnologia” è nata ADAthon, il primo hackathon di Life ADA, un evento mirato a sviluppare uno strumento informatico di supporto per gli agricoltori, in modo da contenere gli impatti del cambiamento climatico.

A vincere la competizione, aperta a studenti ed esperti del settore, è stato il prototipo ADAfield: un supporto all’adozione della tecnica dell’agroforestazione per migliorare la resa delle coltivazioni. Al secondo posto si è classificato il prototipo ERPICE, un bot per la valutazione e la prevenzione del rischio, mentre al terzo CLEVERFarm, che fornisce consigli agronomici, energetici e di irrigazione.

La possibilità di creare collaborazioni e connessioni fra settori tradizionali e comparto tecnologico rimane una delle grande sfide del contemporaneo. Anche per aiutare a contenere l’inquinamento e i cambiamenti climatici. Perché servono solide radici per costruire un futuro sostenibile.

Altri articoli

Intervista a Edmondo Metildi, CEO...

1) Com’è cambiato Ecopoint in questi trent’anni? Da laboratorio di analis...

Ecopoint informa News
Modifiche normative materiali ine...

Il MITE (Ministero per la Transizione Ecologica) ha emanato, lo scorso 15...

Normativa Rifiuti
Cosa sono le diossine?

Sentir parlare di diossine e della loro nocività non è r...

ambiente News
L’inquinamento atmosferico in Ita...

L’inquinamento atmosferico è un’emergenza italiana: su 1...

ambiente Aria
Ecopoint: nuovo logo. Oltre il re...

In un mondo in cui chi non comunica non esiste, Ecopoint srl cambia il su...

Media News
Ecopoint srl: il restyling dell’a...

Cambiare, migliorare ma restare fedeli alle proprie origini. Ecopoint si ...

News

Seguici per rimanere aggiornato

Ecopoint srl

Il Gruppo Ecopoint da oltre vent’anni è punto di riferimento professionale per servizi di consulenza ambientale e analisi industriale e ambientale

Contatti

Privacy Policy
Cookie Policy

Accreditamenti

© 2022 Ecopoint S.R.L. - P.IVA/C.F. 01556840666 - Via Cavour n. 435 - 67051 Avezzano (AQ)