La qualità dell’aria negli ambienti di lavoro: come può influenzare la produttività

Quanto la qualità dell’aria negli ambienti di lavoro incide sulla produttività? Tanto. Il benessere dei dipendenti e dei collaboratori è un tema chiave per qualsiasi impresa, perché è da questo che dipendono la salute degli impiegati, le performance lavorative e, di conseguenza, il successo dell’organizzazione.

Uno dei fattori che influisce in modo significativo sulla salubrità di un ambiente chiuso di lavoro, è la qualità dell’aria.

Trascorriamo almeno otto-dieci ore al giorno nei nostri luoghi di lavoro. Ciò che si respira ha inevitabilmente un impatto diretto sulla salute e sulle prestazioni fisiche e cognitive. Pertanto, la qualità dell’aria non può essere trascurata se si desidera creare un ambiente lavorativo sano, sicuro ed efficiente. 

In questo articolo, ci soffermeremo sull’impatto che l’aria che respiriamo ha sulla produttività e su quali misure possono essere adottate per garantire un ambiente salubre. Ma, soprattutto, vedremo quanto mantenere alti gli standard di benessere garantiscano reali benefici, non solo per i dipendenti ma anche ai datori di lavoro. 

Qualità dell’Aria negli ambienti di lavoro e impatto sulla produttività

Quali fattori influenzano l’Indoor Air Quality nei luoghi di lavoro? La ventilazione insufficiente è uno dei principali colpevoli, poiché può causare l’accumulo di inquinanti e la mancanza di un flusso d’aria adeguato. 

Immagina di essere in un ambiente chiuso, con un impianto di ventilazione a mezzo servizio e finestre che non possono aprirsi. Dopo qualche ora l’aria che respiri ti sembrerà stagnante. 

Questo perché la mancata aerazione può portare a una concentrazione elevata di contaminanti chimici e fisici tossici, provenienti da materiali da costruzione, arredi, prodotti di pulizia utilizzati nell’ambiente di lavoro o semplicemente le attività umane.

Ma non è tutto. Un altro fattore che può compromettere la qualità dell’aria è l’accumulo di umidità. L’umidità eccessiva può favorire la proliferazione di muffe e funghi, che rilasciano spore nell’aria, che possono essere inalate.

L’aria così contaminata da polveri, agenti chimici nocivi o allergeni e inalata da chi frequenta un ambiente chiuso, può provocare:

  • problemi respiratori:
  • cefalea;
  • irritazioni ad occhi, naso e gola;
  • reazioni allergiche;
  • affaticamento generale. 

A lungo andare, questi fattori influenzano negativamente la capacità di concentrarsi e svolgere le attività lavorative in modo efficiente, compromettendo anche salute e benessere complessivo.

Probabilmente ti sarà capitato di sentire o leggere il termine “Sindrome da Edificio Malato”, in relazione alla qualità dell’aria negli ambienti di lavoro. Molti degli edifici moderni, che sono ben isolati per garantire l’efficienza energetica, possono trattenere inquinanti all’interno, creando un ambiente malsano per chi vi lavora.

Si tratta di una condizione di salute associata a una serie di sintomi fisici, tutti riconducibili alla presenza in uno spazio chiuso e non sufficientemente arieggiato, e che finiscono per influenzare significativamente la produttività delle persone perché causano:

  1. problemi respiratori, come asma, bronchiti e irritazione delle vie respiratorie, rendendo difficoltose le normali attività;
  2. affaticamento e mancanza di energia fisica;
  3. riduzione di concentrazione e attenzione;
  4. maggiore rischio di errori;
  5. aumento delle assenze per malattia;
  6. calo della motivazione e della soddisfazione sul lavoro.

Quando si lavora bisogna essere nel pieno delle proprie capacità fisiche e cognitive, ed avere una concentrazione mentale elevata. 

Garantire una buona qualità dellaria sul luogo di lavoro non è solo un aspetto cruciale da considerare per promuovere la salute e il benessere dei tuoi dipendenti. È un investimento prezioso per il datore di lavoro che si ripaga con risultati migliori e un ambiente lavorativo più positivo.

Quali sono i benefici di lavorare in un ambiente sano?

Un luogo di lavoro sano dipende da diversi fattori che contribuiscono alla sua qualità complessiva. Uno dei principali aspetti da considerare è il benessere fisico, lavorare cioè in condizioni che favoriscono una buona salute fisica e mentale.

Una buona qualità dell’aria, la giusta illuminazione, temperatura adeguata e livello di rumore controllato, contribuiscono a creare il microclima ottimale per lavorare ogni giorno, con la massima concentrazione e impegno. I benefici di un’aria pulita e salubre per i lavoratori sono molteplici

  • Meno disturbi respiratori, allergie, mal di testa e sonnolenza;
  • Maggiore capacità fisica e mentale di dare il massimo;
  • Miglioramento di morale e umore;
  • Meno assenze di lavoro;
  • Più motivazione e stimolo a offrire prestazioni efficienti.

Nel concreto significa effetti significativi sulle performance in generale, che si tratti di attività basiche o di attività più impegnative che richiedono l’applicazione di strategie, l’esecuzione di tecniche mirate o una rapida gestione dei problemi.

Far lavorare i propri dipendenti in un ambiente con un’aria interna salubre equivale quindi a un incremento delle prestazioni, maggiore velocità e precisione nelle attività lavorative, che si traducono anche in un vantaggio economico per un datore di lavoro. Una maggiore produttività e meno assenze, significano infatti meno spese di malattia per singolo lavoratore e aumento del fatturato.

Ma come si rende un ambiente lavorativo più produttivo? Scopri di più leggendo il prossimo paragrafo.

Aria salubre sul lavoro: quali misure adottare?

Un luogo di lavoro in cui l’aria non sia contaminata da sostanze tossiche, batteri, allergeni e virus può ridurre significativamente l’insorgenza di disturbi che costringono i dipendenti ad assentarsi per lunghi periodi. 

Un ragionamento semplice, ma non scontato, che evidenzia l’importanza dell’igiene dell’aria quando si mira a far evolvere la propria azienda tanto dal punto di vista del benessere dei dipendenti che dell’ottimizzazione della produzione.

Questo dovrebbe suggerirti anche che un monitoraggio costante della qualità dell’aria indoor e un’efficace gestione sono determinanti per la salubrità del luogo di lavoro e la produttività dei tuoi dipendenti.

Assicurarsi che il sistema di ventilazione dell’edificio sia ben progettato e funzioni correttamente è il primo passo, ma serve anche adottare altre misure e accorgimenti per mantenere elevati gli standard di salubrità: 

  1. Individuare e ridurre potenziali fonti di inquinamento indoor;
  2. Monitorare regolarmente i livelli di inquinanti indoor;
  3. Promuovere l’adozione di politiche aziendali che limitino l’uso di prodotti di pulizia nocivi;
  4. Mantenere il livello di umidità e temperatura a una soglia di sicurezza;
  5. Installare sistemi di filtraggio dell’aria efficienti per rimuovere inquinanti e particelle contaminate in sospensione;
  6. Garantire ricambi d’aria adeguati;
  7. Mantenere i canali aeraulici e tutto il sistema di condizionamento dell’aria pulito;
  8. Igienizzare con regolarità superfici, sistemi di ventilazione e aspirazione delle polveri;

Insomma, come datore di lavoro la tua priorità deve essere la creazione di un ambiente di lavoro sano. Perché mettere al centro la salute e il benessere dei tuoi dipendenti, significa investire sulla produttività e il successo futuro della tua azienda. E questo significa investire nel miglioramento della qualità dell’aria indoor, un elemento diventato ormai strategico e parte integrante delle politiche aziendali orientate al successo. 

Il futuro del tuo business e il benessere dei tuoi dipendenti dipendono dalla scelta consapevole che farai oggi.

Qualità dell’aria negli ambienti di lavoro: contatta Ecopoint

Stai cercando un Laboratorio per l’analisi della qualità dell’aria nei tuoi ambienti di lavoro? Vuoi offrire ai tuoi lavoratori un ambiente sano stimolate e produttivo nel quale lavorare? Contattaci via mail per richiedere informazioni, chiamaci al numero 0863 509492 oppure compila il seguente form.

    Altri articoli

    Laboratorio di Analisi Accreditato: Cosa significa e cosa comporta

    Per conformarsi agli obblighi di legge, le aziende che producono, manipol...

    News
    Consulenze ambientali: cosa sono e a cosa servono

    Le consulenze ambientali sono fondamentali per tutte quelle azi...

    News
    Cos’è l’Analisi Chimica degli Alimenti: Guida Essenziale e Importanza per la Sicurezza Alimentare

    Cos’è l’Analisi Chimica degli Alimenti: vedi...

    News
    Svelare la Minaccia Invisibile: L'Analisi della Legionella nelle Acque

    Maggiori informazioni sulle Analisi Legionella nelle Acque. Cosa comporta...

    News
    Analisi Microbiologiche su Dispositivi Medici: Importanza e Procedure

    Le analisi microbiologiche su dispositivi medici rivestono un ruolo cruci...

    News
    Analisi rifiuti: quando sono obbligatorie e ogni quanto vanno fatte?

    Le Analisi Chimiche Rifiuti Industriali rappresentano un aspetto cruciale...

    News