Qualità delle acque potabili: adeguamento della disciplina nazionale a quella europea

In Gazzetta il DM 14 giugno 2017 di recepimento della direttiva (UE) 2015/1787 che modifica gli allegati II e III della direttiva 98/83/CE sulla qualità delle acque potabili.  Il DM 14/6/2017 adegua la disciplina nazionale vigente a quella europea.

È stato recentemente pubblicato il Decreto del Ministero della Salute 14 giugno 2017 che recepisce la Direttiva (UE) n. 1787/2015 concernente la qualità delle acque potabili (“acque destinate al consumo umano”).

Il Decreto va a sostituire gli allegati II e III del D.lgs n. 31 del 2 febbraio 2001 in materia di acque potabili: l’Allegato I sostituisce completamente l’allegato II del D.Lgs. n.31/2001, ossia la Parte A sugli “Obiettivi generali e programmi di controllo per le acque destinate al consumo umano”.
In precedenza l’Allegato indicava diversi parametri da analizzare: la modifica operata dal DM 14 giugno 2017 spiega che i programmi di controllo per le acque destinate al consumo umano devono verificare che le misure previste per contenere i rischi per la salute umana in tutta la filiera idro-potabile, siano efficaci e che le acque siano salubri e pulite.
Inoltre, occorre mettere a disposizione informazioni sulla qualità dell’acqua fornita per il consumo umano al fine di dimostrare il rispetto di obblighi e parametri del decreto. Infine, occorre individuare le misure più adeguate per mitigare i rischi per la salute umana.
Si individuano poi i parametri e le frequenze di cui alla parte B (Parametri e frequenze) dello stesso allegato, da far rispettare ovvero il prelievo e analisi di campioni discreti delle acque; oppure le misurazioni acquisite attraverso un processo di controllo continuo.

Quanto all’Allegato II del DM 14 giugno 2017, anch’esso sostituisce in toto un allegato (l’Allegato III) del D.Lgs. n.31/2001 in materia di specifiche per l’analisi dei parametri: si richiede espressamente che laboratori o terzi appaltatori applichino pratiche di gestione della qualità conformi a quanto previsto dalla norma UNI EN ISO/IEC 17025 o da altre norme equivalenti internazionalmente riconosciute e vanno accreditati in conformità alla norma UNI EN ISO/IEC 17025:2005 per singole prove o gruppi di prove (accreditamento entro il 31 dicembre 2019).
I metodi di analisi utilizzati ai fini del controllo e per dimostrare il rispetto del nuovo decreto, vanno convalidati e documentati conformemente alla norma UNI EN ISO/IEC 17025, devono rispettare i criteri di efficienza di cui alla parte B dell’Allegato.

Sei un soggetto obbligato al controllo della qualità delle acque potabili? Contattaci senza impegno!

Altri articoli

Laboratorio di Analisi Accreditato: Cosa significa e cosa comporta

Per conformarsi agli obblighi di legge, le aziende che producono, manipol...

News
Consulenze ambientali: cosa sono e a cosa servono

Le consulenze ambientali sono fondamentali per tutte quelle azi...

News
Cos’è l’Analisi Chimica degli Alimenti: Guida Essenziale e Importanza per la Sicurezza Alimentare

Cos’è l’Analisi Chimica degli Alimenti: vedi...

News
Svelare la Minaccia Invisibile: L'Analisi della Legionella nelle Acque

Maggiori informazioni sulle Analisi Legionella nelle Acque. Cosa comporta...

News
Analisi Microbiologiche su Dispositivi Medici: Importanza e Procedure

Le analisi microbiologiche su dispositivi medici rivestono un ruolo cruci...

News
Analisi rifiuti: quando sono obbligatorie e ogni quanto vanno fatte?

Le Analisi Chimiche Rifiuti Industriali rappresentano un aspetto cruciale...

News